Tiziana Cantone ultime notizie: qualcuno ha pagato per rimuovere i video dal web

Tiziana Cantone, suicida per video hard: parroco

Tiziana Cantone si è uccisa a causa delle continue derisioni di chi, guardando il suo video, non ha esitato ad insultarla.

Tiziana Cantone si è uccisa perché non ne poteva più di essere perseguitata per dei video che aveva girato con molta ingenuità. In un periodo in cui era fragile, depressa.

Tiziana Cantone si è uccisa per via del malessere che provava e che forse solo anime sensibili o che hanno vissuto la stessa tragedia possono capire appieno.

La gogna mediatica a cui è stata sottoposta Tiziana Cantone non è finita con la diffusione dei video hard, né con la sua morte. È iniziata invece in quel momento, perché è proprio da lì che chiunque non la conoscesse è entrato in una parte della realtà in cui era costretta a vivere, giorno dopo giorno.

È in quel preciso istante che nuovi giudici senza ruolo sono emersi dalla coltre del web e dagli angoli più oscuri dell’Italia per mettere becco su una tragedia di cui non possono comprendere, evidentemente, nulla.

Nel frattempo, arrivano nella redazione di Chi l’ha visto le scuse di chi, tempo addietro, ha pubblicato su Youtube le parodie su Tiziana Cantone. Scuse inaccettabili, eppure doverose. Forse compiere un errore servirà a non farne altri.

La Procura di Napoli e quella di Napoli Nord in particolare continuano ad indagare, soprattutto per capire se chi ha cercato, in seguito alla loro diffusione, di cancellare i contenuti hard su Tiziana Cantone sia in qualche modo coinvolto nella pubblicazione degli stessi.

Questo perché sono state pagate delle somme, riferisce una notizia ANSA, affinché i video venissero rimossi. È stato un tentativo di proteggere Tiziana Cantone oppure di cancellare alcune prove?

Related posts

Leave a Comment