Emanuela Capaldo è stata spinta al suicidio? Il dubbio e gli indizi

Emanuela Capaldo

Emanuela Capaldo non aveva alcun motivo per uccidersi. Questa la tesi dei familiari per quanto riguarda il suicidio della giovane 26enne, accaduto ad Ariccia lo scorso 5 ottobre. Solare, apparentemente spensierata, sembra che qualcosa abbia incrinato la sua vita in modo irrimediabile. La Procura ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, dato che non esistono punti oscuri o moventi che potrebbero aver spinto Emanuela a compiere quel folle gesto.

Emanuela Capaldo è una ragazza bellissima, che grazie alla sua presenza fisica riesce anche a rientrare nei salotti televisivi. Qui partecipa come pubblico in studio, mentre continua a studiare con profitto. Eppure quella vita, fatta di lavori precari e di stenti, non le basta più. Così cambia vita, lascia l’università e trova un lavoro più stabile, che purtroppo la porta presto a contatto con ambienti pericolosi.

Nella puntata del 23 novembre, Chi l’ha visto ha approfondito ulteriormente il caso, intervistando alcune delle zie di Emanuela Capaldo. Nessuna di loro si capacita di come sia potuta avvenire una tragedia simile. Soprattutto perché la ragazza non aveva mai fatto capire di sopportare un peso così grande, tale da farle decidere di non voler più vivere.

Alcune vicende strane c’erano tuttavia state. Emanuela Capaldo lavorava altrove, ma le amiche con cui frequentava le discoteche il sabato sera, sapevano ben poco di che cosa si trattasse. Ad una di queste in particolare, come ha riferito durante la puntata, ad un certo punto ha perso anche i suoi contatti. Emanuela infatti cambia telefono, per via di alcuni strani episodi. Non accede più nemmeno a Facebook come prima, chiude tutto. Anche il rapporto con l’amica più cara.

Il sospetto della zia con cui era cresciuta, è che frequentasse Mantova, un ambiente particolare di cui nessuno sa nulla. Alcuni giorni prima della tragedia, Emanuela Capaldo riferisce ad alcuni suoi parenti di essere convinta che qualcuno la seguisse.

Pochissimi giorni prima del ritrovamento del suo corpo, aveva anche confidato ad una delle zie di aver ricevuto delle minacce. Era successo mentre si trovava nella palestra che aveva iniziato a frequentare da poco. Qualcuno le aveva fatto intuire che voleva ucciderla.

Emanuela si è suicidata oppure qualcuno l’ha costretta a lanciarsi dal Ponte Monumentale di Ariccia? Secondo le ricostruzioni, riporta RomaToday.it, la 26enne avrebbe scavalcato la rete ed infine si sarebbe gettata di sotto.

Clicca qui per vedere il servizio di Chi l’ha visto su Emanuela Capaldo

Related posts

Leave a Comment