Massimo Bossetti è innocente? I sospetti di Roberto Saviano

Roberto Saviano - Massimo Bossetti

Massimo Bossetti è colpevole o innocente? La pubblica opinione si è sempre divisa a metà su questa annosa domanda. L’omicidio di Yara Gambirasio è inaccettabile, soprattutto se si considera la sua giovane età e la modalità con cui è stata uccisa. Eppure, alcune inquietanti rivelazioni sembrano avvalorare la tesi innocentista. Il muratore di Mapello è stato incastrato? Chi lo ha difeso nonostante i 40 processi vissuti, ha sempre evidenziato un particolare: Massimo Bossetti è un perfetto capro espiatorio. Che sia davvero così?

Yara Gambirasio

Il giornalista Roberto Saviano è convinto che Massimo Bossetti sia innocente. Durante un’intervista rilasciata al settimanale Oggi, l’autore di Gomorra ha sottolineato come il padre di Yara Gambirasio abbia lavorato in passato per la Lopav. L’azienda risulta di proprietà dei figli di Pasquale Locatelli, un noto narcotrafficante. Il collegamento con Massimo Bossetti sarebbe proprio il cantiere in cui lavorava all’epoca dei fatti. La Lopav aveva infatti un appalto nei lavori di Mapello.

“Inoltre, alla festa della Lopav parteciparono tre magistrati della Procura di Bergamo”.

Queste le parole di Roberto Saviano, che ha proseguito marcando sul fatto che nessuno ha indagato su quella pista. Un particolare “inquietante“, come lo ha definito il giornalista, soprattutto se si considera un altro dettaglio. I tre cani molecolari usati per stabilire la dinamica dell’omicidio di Yara Gambirasio, si sono spostati tutti dalla famosa palestra al cantiere di Mapello. Sono elementi che verranno discussi in Appello?

Related posts

Leave a Comment