#IlCollegio : l’esperimento sociale che porta gli studenti nel 1960

Il collegio

Da lunedì 2 gennaio su Rai Due andrà in onda Il Collegio, un socio – reality di 4 puntate, dove 18 ragazzi, tra i 14 e i 17 anni, entreranno in un collegio, il Collegio Convitto di Celana a Caprino Bergamasco, e saranno educati e studieranno con i metodi del 1960, anno in cui la Rai, il 15 novembre, mandava in onda il programma educativo Non è mai troppo tardi: grazie a questo programma, milioni di italiani hanno imparato a leggere e scrivere grazie alle lezioni del maestro Manzi.

Il collegio

I 18 ragazzi questa volta, saranno educati soprattutto moralmente, in modo da apprezzare tutto ciò che hanno, dalla tecnologia o dalle passioni, senza diventare dipendenti, come lo sono oggi: infatti, la maggior parte dei ragazzi, amano stare con i loro smartphones, guardare la tv, fare shopping ecc. Tutto questo nel collegio, ovviamente, non sarà possibile.

Come detto, gli  alunni saranno 18:  Carla Addonisio, 16 anni di Macerata Campania (CE), gioca a calcio; Swami Caputo, 16 anni di Firenze, è una ballerina; Jenny De Nucci, 16 anni  di Limbrate (MB), amante della musica e della fotografia; Letizia Del Signore, 14 anni da Civita Castellana (VT), ama la recitazione; Pietro Dell’Aquila, 14 anni di Villaricca (NA), ha preso un 6 in condotta a scuola; Silvia Di Santo, 14 anni e viene da Torino, ama i trucchi e fare shopping; Davide Erba, 15 anni di  Monza, ama la storia; Marika Ferrarelli, 16 anni da Napoli, ama la moda; Dimitri Tammaro Iannone, 17 anni, vive a Villa Literno (CE) ma ha origini ucraine, è uno sciupafemmine. Veronica Mastro, 15 anni, abita al Corviale di Roma gelosa del suo fidanzato; Alessio Milanesi, 14 anni viene da Bari e i suoi genitori gli danno fastidio; Filippo Moras, ha 17 anni e viene da Castel Nuovo Scrivia (AL), ama i videogiochi e la lacca; Federico Nobile, 14 di Firenze, da quando ha avuto lo smartphone non va più bene a scuola; Adriano Occulto, 16 anni di Brebbia (VA), non ama andare a scuola ed è stato bocciato; Ludovica Olgiati, 14 anni di Parabiago (MI), vuole essere la prima in tutto; Arianna Pasin, 15 anni di Merate (LC), vive di musica e piastra; Giovanni Petrigliano, 16 anni di Matera, è un tipo solitario; Filippo Zamparini, 14 anni di Varese,  si definisce l’uomo di casa.

Gli insegnanti invece saranno 10: Paolo Bosisio, Fabio Caccioppoli, Piera Candotti, Annalisa Ciampalini, Luigi Ferrari, Lucia Gravante, Marco Larosa, Andrea Maggi, Emilia Termignoni, Matteo Valbusa. Ognuno insegnerà le seguenti materie: Italiano, Storia e Geografia, Latino, Matematica, Scienze Naturali, Educazione Fisica. Le materie non oggetto d’esame sono: Canto Corale, Economia Domestica per le ragazze e Applicazioni Tecniche per i ragazzi. Alla fine i ragazzi, con un programma ridotto, dovranno sostenere un esame dove alla fine riceveranno la licenza media del 1960. Oltre agli insegnanti, ci saranno i guardiani che dovranno sorvegliare i ragazzi in modo che rispettino le regole.

A raccontare il tutto sarà la voce di Giancarlo Magalli. Per commentare il programma sui social potete usare l’hashtag #IlCollegio.

Questo esperimento sociale, cambierà davvero il modo di vivere dei ragazzi una volta terminata questa esperienza?

Related posts

4 thoughts on “#IlCollegio : l’esperimento sociale che porta gli studenti nel 1960

  1. Mauro

    Davvero piacevole e interessantissimo l’esperimento.
    Francamente penso che se nelle scuole si recuperasse una seria disciplina e la santa meritocrazia avremmo un domani un popolo molto migliore. Complimenti per l’originalità del programma.

    1. I valori di base mancano in moltissimi aspetti della società purtroppo, così come la meritocrazia. Osservazione giusta, da estendere a tutti i campi della vita. Il programma è di sicuro unico. Grazie per il tuo commento, torna a trovarci!

  2. Molto bello,sopratutto quando Filippo,e gli altri due,hanno dovuto pelare le patate..vorrei partecipare anche io

    1. Ciao Andrea! Grazie innanzitutto per il tuo commento 🙂 Sarebbe piaciuto molto anche a me vivere, all’epoca, un’esperienza simile. Altamente formativa a 360°!

Leave a Comment