Treviso, infermiera indagata: fingeva di vaccinare i bambini

Treviso - Piazza dei Signori (Wikipedia)

Treviso: un’infermiera finisce sotto indagine in seguito alla denuncia di alcuni genitori. Le autorità scoprono che la donna non effettuava i vaccini ai bambini, grazie ad una finta iniezione

Treviso: un gruppo di dipendenti della Asl si insospettiscono perché durante le vaccinazioni i bambini non piangono. Richiedono immediato intervento dell’Azienda Sanitaria, che avvia un’indagine che l’infermiera Emanuela Petrillo “fingeva di vaccinare i bambini e invece gettavanel cestino le fiale ancora piene”. A rivelarlo è Giallo, che ha illustrato il modus operandi dell’infermiera di Treviso.

Emanuela Petrillo avvicinava la siringa al bambino, non iniettava il liquido ed in seguito gettava la fiala, ancora inutilizzata. Si tratta di vaccini obbligatori, come per il morbillo, la poliomelite, l’epatite B ed altri. In seguito alla scoperta del reato, la donna è stata trasferita di mansione, senza alcun contatto con i pazienti. Intanto, l’Azienda Sanitaria trevigiana ha individuato 500 fra adulti e bambini a rischio, grazie a delle valutazioni a campione di alcuni bambini, per verificare quanti non fossero stati vaccinati.

I pazienti individuati si potranno sottoporre a profilassi medica in giornate dedicate, individuate fra la fine di aprile e l’inizio di maggio. Verranno tutti vaccinati una seconda volta, per scongiurare l’insorgere delle malattie. Le famiglie coinvolte vorranno comunque comprendere come mai la denuncia dell’Als di Treviso, che aveva già denunciato l’infermiera alle autorità, è rimasta inascoltata così a lungo.

Il pubblico ministero e il giudice, riferisce ancora Giallo, non hanno potuto procedere nei confronti di Emanuela Petrillo a causa di “assenza di ulteriori elementi a carico dell’assistente”. Grazie alle prove emerse dalle valutazioni vaccinali, la procura adesso avrà modo di riesaminare il caso e di provvedere ad attivare tutte le misure di sicurezza necessarie a garantire l’incolumità della popolazione.

Related posts

Leave a Comment