Quarto Grado video replica 28 aprile: Igor il russo, Luca Materazzo e Vincenzo Paduano

Quarto Grado, anticipazioni e video replica

QUARTO GRADO VIDEO REPLICA DELLA PUNTATA DEL 28 APRILE – Nella puntata di Quarto Grado di oggi, venerdì 28 aprile 2017, la trasmissione di Gianluigi Nuzzi ha parlato degli ultimi aggiornamenti sulla caccia a Igor Vaclavic, alias di Norbert Feher. Il killer di Budrio potrebbe infatti aver ricevuto aiuto da qualcuno, forse un uomo o una donna del suo passato. La trasmissione parlerà anche della morte di Sara Di Pietrantonio e della figura dell’ex fidanzato Vincenzo Paduano.


Quarto Grado intervista Giancarlo Bolognesi, un contadino che nel 2005 è stato derubato da Norbert Feher. In quell’occasione, il killer di Budrio ha lasciato forse una scritta sullo specchio dell’anziano, “ciao bello”. Una scritta che potrebbe corrispondere a chi ha scritto “vi amazerò”, ritrovato dalle autorità in uno dei casolari in cui si è forse nascosto il criminale in questi giorni.

Grazie ad una ricostruzione delle foto e dei messaggi scambiati con un ex compagno di cella, si sa che Norbert Feher nel giugno del 2011 si trovava a Ferrara. Potrebbe aver dormito da qualcuno in particolare, prima di congiungersi con l’amico.

Igor Vaclavic - Norbert Feher

A Quarto Grado, fra gli ospiti in studio Picozzi ha sottolineato che Norbert Feher “è pericolosissimo”. La sorella del criminale, invece, afferma che nessuno della famiglia era a conoscenza del reato di violenza sessuale su minore di cui sarebbe accusato in Serbia. Una giornalista di un quotidiano locale ha richiesto il fascicolo delle autorità serbe su Norbert Feher, ma non risulta alcun documento. Le autorità italiane intanto hanno richiesto anche il DNA della madre di Norbert Feher, per compararlo con quello rilevato all’esterno del bar di Budrio, dove è stato ucciso Davide Fabbri.

Igor Vaclavic - Norbert Feher

Quarto Grado rivela in diretta quali sono i reati ufficiali imputati a Norbert Feher, conosciuto fino a prima della caccia all’uomo con il nome di Igor Vaclavic. Nel 2005 la Serbia avrebbe infatti richiesto un mandato di cattura internazionale per rapina, furto e violenza sessuale su minore. Nel 2011 invece, il mandato di cattura, sempre internazionale, è per i reati di rapina a mano armata, stupro e evasione dal carcere.

Quarto Grado intervista inoltre un ex compagno di cella, che ha conosciuto Igor Vaclavic durante il periodo in cui è stato detenuto a Ferrara. Quattro anni vissuti a stretto contatto, in cui il criminale fingeva di essere un ex militare della Siberia, in cui aveva lasciato moglie e una figlia. Nel corso della puntata è stata diffusa la smentita che Igor Vaclavic sia l’autore della scritta “vi amazerò” ritrovata nel capanno.

Nella puntata di Quarto Grado, Gianluigi Nuzzi si è concentrato anche su Luca Materazzo. Il ragazzo di una famiglia benestante e in fuga dallo scorso dicembre, in seguito all’omicidio del fratello Vittorio Materazzo. La trasmissione sposta poi l’attenzione su Vincenzo Paduano. E’ accusato dell’omicidio di Sara Di Pietrantonio, la ragazza data alle fiamme in via della Magliana, a Roma. Un delitto macabro, per il quale il giovane ha chiesto scusa durante l’udienza avvenuta lo scorso mercoledì.

sara di pietrantonio vincenzo paduano

Sabrina Scampini, in collegamento da Roma, ha sottolineato come Vincenzo Paduano non voglia essere visto in modo negativo. Durante l’interrogatorio l’accusato ha marcato anche sul fatto che Sara Di Pietrantonio non deve essere vista come qualcosa di più di una vittima. Quarto Grado ritorna indietro fino a qualche ora dopo l’omicidio di Sara Di Pietrantonio, all’interrogatorio di Vincenzo Paduano.

“Lei scappava dalla macchina perché avevo già aperto la bottiglietta. Non l’ho fatto apposta, non era mia intenzione. La volevo spaventare, sono un mostro”

Dopo aver ritrattato una prima volta, Vincenzo Paduano decide di fare altre dichiarazioni e confessa tutto. Quarto Grado parla anche del caso di Lidia Macchi e degli ultimi sviluppi. A poche ore dalla prima udienza a Stefano Binda, è spuntato quello che viene definito testimone 101. Sarebbe in possesso di alcune prove che scagionerebbero Binda, di cui si possiedono diversi indizi a carico. Gianluigi Nuzzi approfondisce anche l’ultima strategia della difesa di Massimo Bossetti. Il dubbio riguarda la possibilità che esista un fratellastro del muratore di Mapello, un altro figlio illegittimo di Giuseppe Guerinoni.

Ultimi aggiornamenti da Cirò Marina per la morte di Antonella Lettieri. Si cerca ancora la seconda arma del delitto, dopo il ritrovamento del tubo d’acciaio. Quest’ultimo oggetto è stato indicato da Salvatore Fuscaldo, il vicino della casa della vittima che secondo gli inquirenti sarebbe responsabile del suo omicidio.


Vuoi rivedere la puntata di Quarto Grado del 28 aprile? Clicca QUI per accedere al video ufficiale Mediaset

Related posts

Leave a Comment