Isabella Noventa: l’ex fidanzata di Freddy Sorgato, “Mai violento” |Quarto Grado

quarto grado anticipazioni

Isabella Noventa non è mai stata ritrovata. Questa la realtà evidente ancora oggi, una verità che solo il suo presunto assassino potrebbe svelare. Freddy Sorgato si è sempre accusato di essere l’unico responsabile del delitto, ma che tipo di personalità ha l’autotrasportatore padovano? L’ex fidanzata è stata intervistata da Quarto Grado: l’intervista in onda il 19 maggio. 


Isabella Noventa sarebbe stata uccisa durante un gioco erotico. Questa la versione sempre mantenuta da Freddy Sorgato, accusato del suo omicidio assieme alla sorella Debora Sorgato e Manuela Cacco. Gli inquirenti tuttavia non hanno mai creduto alla sua versione ed anzi hanno sempre individuato nell’autotrasportatore una forte lucidita. Secondo le autorità non ci sarebbero dubbi sulla colpevolezza del trio diabolico, per via di numerose prove e indizi a loro carico. Freddy Sorgato avrebbe quindi agito seguendo un piano ben preciso, studiato nei minimi dettagli. Se ciò fosse vero, la personalità dell’autotrasportatore metterebbe in luce una violenza inaudita.

A contrastare questa tesi è una ex fidanzata di Freddy Sorgato, con cui ha avuto una relazione di 12 anni. I due si sono conosciuti giovanissimi, appena ragazzini. Durante la loro convivenza, l’autotrasportatore non si sarebbe mai comportato in modo aggressivo nei suoi confronti. Anzi, lo descrive come una persona mite e protettiva.

“Non mi ha mai fatto mancare niente. Magari alzavo i toni più io, ma lui mai. Anzi, cercava di portarmi sulla ragione”

In seguito all’accusa di Freddy Sorgato, la reazione dell’ex fidanzata è stata di incredulità. Nei litigi avuti all’epoca della relazione, l’autotrasportatore “non avrebbe mai neanche alzato un dito. Piuttosto si girava e andava via”. Freddy avrebbe inoltre parlato con la donna della scomparsa di Isabella Noventa, riferendole che era sparita e che non si trovava più.

“Ho cercato, nel mio piccolo, una verità. Volevo che lui dicesse effettivamente come erano andate le cose… quello che volevo era che pagassero per quello che effettivamente ognuno di loro ha fatto. Ed era quello che cercavo di fare. Però, in uno di questi colloqui, Freddy ha puntato i pugni sul tavolo dicendo: “Quella notte c’ero io, non c’eri tu”. Mi ha detto che hanno fatto questo gioco erotico, che Isabella si è sentita male, lui dice un problema al cuore, ha provato a rianimarla però non ci è riuscito, lei purtroppo era già morta. Io gli ho detto: ‘Ma scusa, in un momento del genere chiama il 118‘. Penso sia la prima cosa che una persona fa. Lui mi ha detto: ‘Guarda… sono entrato in panico, non ce l’ho fatta, ho pensato al suo processo in corso, ho pensato a tante cose, l’ho presa e l’ho portata nel fiume‘”

 

Durante uno dei loro tanti colloqui, Freddy Sorgato avrebbe inoltre escluso di proteggere qualcuno. Ha affermato invece che Debora Sorgato fosse a lavorare la notte dell’omicidio di Isabella Noventa.

“Loro c’erano quella notte. Loro sanno”, conclude l’ex fidanzata, “E che venga fuori la verità”

Related posts

Leave a Comment