Omicidio Mileto, la sorella di Francesco: “Dite quel che sapete”

Omicidio Mileto, Francesco Prestia Lamberti - ultime notizie

Omicidio Mileto – “Serve giustizia, serve conoscere la verità; è tutto così impensabile”. Non si rassegna la sorella di Francesco Prestia Lamberti, il ragazzo ucciso alcuni fa dall’amico Alex Pititto. Marina crede infatti che il delitto del giovane nasconda molto di più e chiede ad amici e conoscenti di fare di tutto per portare a galla la verità. 


La sorella di Francesco Prestia Lamberti continua a chiedere che chiunque conosca la verità su quanto accaduto al ragazzo di Mileto si faccia avanti. Con un post rabbioso su Facebook, ha rivolto un appello agli “amici” della vittima perché si facciano avanti e raccontino agli inquirenti tutto ciò che sanno. Una richiesta che fa supporre come ci potrebbe essere molto di più dietro l’omicidio del ragazzo, messo in atto presumibilmente dal reo confesso e amico Alex Pititto.

Non bastano le foto con le dediche…. per Francesco, serve giustizia, serve conoscere la verità; è tutto così impensabile… quindi, a voi “AMICI”, so e sapete che non sarete mai ai livelli di mio fratello, perché lui ha perso la vita proprio per questo, lui amava i suoi amici, il suo stato di whatsapp era “meglio crepare che tradire” … FRANCESCO PRESTIA LAMBERTI non avrebbe mai tradito nessuno di voi, e voi lo sapete! Quindi chiedo ad ognuno di voi di mettere una mano sulla coscienza e di DIRE TUTTO QUELLO CHE SAPETE

Gli inquirenti continuano intanto a svolgere le indagini per ricostruire la dinamica dell’omicidio. In queste ultime ore, sottolinea il Quotidiano del Sud, l’impegno delle forze dell’ordine è incessante e sono stati ascoltati diversi testimoni. Si cerca qualcuno che possa essere informato su quanto accaduto a Francesco Prestia Lamberti e sul movente che potrebbe aver spinto Alex Pititto a compiere il delitto.

Ancora da verificare infatti il luogo in cui è stato ucciso Francesco Prestia Lamberti, individuato dagli investigatori come diverso dal posto in cui è stato ritrovato il suo corpo. Alcuni bossoli sarebbero stati ritrovati nelle vicinanze di un palazzo antico ed in disuso, nelle vicinanze della villa comunale di Mileto. In base a questi elementi, appare sempre più improbabile che la versione fornita da Alex Pititto possa corrispondere al vero.

Leave a Comment