Nuovo testimone a Le Iene per gli abusi in Vaticano | VIDEO

LE IENE RITORNA A PARLARE DELLO SCANDALO IN VATICANO

Le Iene ritornano ad indagare sui presunti abusi avvenuti nel Preseminario San Pio X in Vaticano. Un nuovo testimone ed ex chierichetto del Papa ha infatti confermato quanto riferito da Kamil e dal suo compagno di stanza nella precedente puntata. Gaetano Pecoraro ha intervistato Lucio, una presunta vittima di don Gabriele.

“Mi cercava e mi portava in Basilica per preparare l’altare per certe messe […] e avevo cominciato anche a gestire i chierichetti più piccoli”.

Il ragazzo ha infatti riferito di diversi episodi accaduti durante la sua esperienza in Preseminario. Inizialmente era una sorta di prescelto di don Gabriele ed all’epoca aveva appena 15 anni. Il sacerdote invece già maggiorenne. Data la decisione di Lucio di sottrarsi al tentativo di molestie del religioso, quest’ultimo ha provveduto ad isolarlo ed a trattarlo male.

“Quando mangiavamo, prendeva il cibo e me lo buttava”.

Anche in questo caso Lucio, rivela a Le Iene, confida tutto al Padre Spirituale, che forte di tre testimonianze parla con i prelati superiori. In tutta risposta il sacerdote viene confinato in un luogo sperduto, a guidare una parrocchia isolata. Nel precedente servizio, Le Iene avevano intervistato Monsignor Radice, che ha negato qualsiasi molestia e le ha tacciate come falsità e calunnie.

IL SERVIZIO DE LE IENE SUI PRESUNTI ABUSI IN PRESEMINARIO

Pecoraro ha intervistato in seguito il Vescovo Emerito di Como, monsignor Coletti. Quest’ultimo ha ricevuto negli anni diversi lettere da parte di Kamil, che ha ricevuto solo un velato invito a tacere. A Le Iene, il Vescovo Emerito afferma di aver fatto diverse visite in Preseminario e di non aver trovato nulla di strano.

“Ho cercato di ascoltare gli altri e non c’è stato nessun riscontro. Sono sceso a Roma appositamente per ascoltare le persone”.

Kamil, Marco e Lucio negano tuttavia di aver mai parlato con Coletti e sottolineano che non avrebbe mai fatto un interrogatorio agli altri seminaristi. La versione del sacerdote nell’intervista de Le Iene è invece che Kamil accusasse don Gabriele per una vendetta personale e che lo avrebbe allontanato solo per il suo benessere. Kamil invece è finito in strada, come ha svelato nel servizio precedente de Le Iene, perché la sua famiglia si trova in Polonia.

La situazione si complica quando la fonte riferisce che le accuse di abusi erano state depositate a don Andrea Stabellini, che all’epoca ricopriva il ruolo di giudice del tribunale ecclesiastico. Da quanto si diceva nel Preseminario, il rettore don Radice avrebbe dovuto essere allontanato, ma la pratica è stata bloccata dal Cardinale Angelo Comastri.

TUTTO INSABBIATO? LA RIVELAZIONE SHOCK DE LE IENE SUGLI ABUSI IN VATICANO

Si tratta di una delle figure più in vista della Chiesa cattolica, che risponde direttamente al Papa. Le Iene hanno intervistato don Stabellini, che dopo aver richiesto di spegnere le telecamere, ha rivelato di aver cercato in tutti i modi di fare giustizia. Sarebbe stato tuttavia ostacolato da Coletti, che ha impedito che la faccenda andasse avanti.

“Bisognava procedere con i gradi giusti di giudizio. […] Avevo il ragionevole dubbio che si dovesse procedere […] Hanno parlato Comastri e Coletti… allora dico “Per me dobbiamo continuare” e loro dicono “no, chiudiamo qui”.

Dopo diverse insistenze dell’inviato de Le Iene, don Stabellini conferma che entrambi gli altri prelati del Vaticano hanno deciso di insabbiare il caso. E questo nonostante le accuse delle molestie fossero chiare e verificate.


IL SERVIZIO DI GAETANO PECORARO E LE IENE SUI PRESUNTI ABUSI IN VATICANO

Per guardare e riguardare il servizio de Le Iene sul Preseminario del Vaticano e sui presunti abusi, sarà possibile accedere a questo indirizzo. Sul portale ufficiale del programma di Italia 1 sono presenti invece le altre inchieste trasmesse in puntata.

Related posts

Leave a Comment