I bambini di Chernobyl a Le Iene, un dramma senza fine | VIDEO

le iene show

A 40 ANNI DAL DISASTRO NUCLEARE, I BAMBINI DI CHERNOBYL PAGANO ANCORA: IL SERVIZIO DE LE IENE

Le Iene affrontano ancora il tema del nucleare nel suo appuntamento del 21 novembre, parlando questa volta del veleno che ancora oggi continua a mietere vittime fra i bambini di Chernobyl. Inizia tutto quel maledetto giorno del 1986, in cui a causa della diffusione degli isotopi radioattivi e delle correnti d’aria, muoiono migliaia di persone. Chi sopravvive tuttavia non viene risparmiato. Nemmeno in Italia, dove le correnti hanno trasportato le scorie radioattive ed hanno provocato un aumento dei malati di tiroide. In Ucraina il problema continua ad essere sempre più grave. Sono tantissimi i bambini di Chernobyl che a pochissimi anni scoprono di essere malati di tumori gravisimi e di vario tipo. Per non parlare di altre malattie importanti che nel peggiore dei casi porta fino alla morte.

Le Iene incontrano due bambini di pochissimi anni ed un giovane adolescente, che ha contratto una grave malattia a causa del cibo contaminato. Il problema è infatti che il territorio di Chernobyl non è ancora adatto alla coltivazione in molteplici aree. Qualsiasi cosa cresca non è realmente commestibile per via dell’alto tasso di radioattività. L’inviata de Le Iene ha portato ad un laboratorio di analisi alcuni prodotti acquistati da diversi contadini, ignari di vendere ortaggi che superano i limiti di radioattività. Le Iene tuttavia sottolineano un altro problema presente in Ucraina: le persone muoiono a causa delle malattie, ma rischiano anche di morire di fame. Molti bambini mangiano pochissimo e non tutto ciò che potrebbero, a causa delle scarse entrate economiche e i sussidi. Clicca qui per vedere il servizio de Le Iene sui bambini di Chernobyl e i veleni del territorio. 

Related posts

Leave a Comment