Voto di scambio in Sicilia, Edy Tamajo si difende dalle accuse | VIDEO

Blue Whale - Le Iene

EDY TAMAJO RISPONDE ALLE DOMANDE DE LE IENE SUL VOTO DI SCAMBIO

Il voto di scambio ha colpito di recente la Sicilia, in occasione delle ultime elezioni. Le autorità avrebbero infatti trovato le prove a carico di alcuni deputati, fra cui Edy Tamajo. Un giovane politico che ha ricevuto di recente un avviso di garanzia proprio per l’accusa di aver pagato 25 euro per ogni voto ottenuto. Accuse che lo stesso Tamajo respinge al mittente, convinto di essere innocente e di poterlo dimostrare. Tutto parte da un’intercettazione da parte delle autorità, che grazie a delle indagini su un altro caso scoprono del coinvolgimento di quattro persone nell’acquisto di voti per le elezioni siciliane.

Il punto difficile da dimostrare rimane comunque il collegamento fra il politico di turno e i voti ottenuti, dato che il sistema piramidale adottato per il voto di scambio è creato appositamente perché in caso di fallimento, il vertice non debba rispondere di alcun illecito. Le Iene avevano parlato di questo fenomeno siciliano, che potrebbe essere esteso a tutta l’Italia, in un precedente servizio che vi segnaliamo qui. Alle telecamere de Le Iene Edy Tamajo ha negato qualsiasi collegamento con quanto successo, ma un testimone avrebbe affermato il contrario. Si parla in particolare dei collegamenti fra il deputato e i procacciatori di voti, fra cui ci sarebbe un noto imprenditore siciliano.

La persona in questione è a sua volta collegata con altri nomi conosciuti alla giustizia proprio per via del voto di scambio, alcuni finiti in tribunale negli ultimi anni. Grazie al testimone, Le Iene hanno individuato il percorso del voto di scambio e quale sarebbe l’interesse di qualsiasi politico implicato in questo illecito per avere dei voti ad un così basso prezzo. Clicca qui per rivedere il servizio de Le Iene sul voto di scambio in Sicilia. 

Related posts

Leave a Comment