Martina Rossi, uccisa a Maiorca dai due amici? | Chi l’ha visto

Martina Rossi - Chi l'ha visto

MARTINA ROSSI, IL CASO DELLA RAGAZZA UCCISA A MAIORCA: CHI L’HA VISTO

Il caso di Martina Rossi potrebbe avviarsi definitivamente verso la svolta. Nella giornata dello scorso martedì, sottolinea Chi l’ha visto, Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi sono stati rinviati a giudizio e ritenuti i colpevoli della morte della ragazza. Secondo le indagini e la tesi dell’accusa, i due ragazzi avrebbero infatti cercato di violentare Martina Rossi, che per sfuggire ai suoi aguzzini avrebbe tentato di scavalcare il balcone dell’hotel in cui si trovava.

Un caso controverso, per il quale il padre di Martina Rossi si è battuto a lungo: la verità finalmente sembra essere emersa. A carico di Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi ci sono diverse prove, soprattutto lo scambio di informazioni avvenute all’interno della centrale. I due erano appena stati arrestati e dalle trascrizioni dei loro discorsi emerge una chiara volontà di depistare le indagini.

“Digli che quando eri nel letto eri terrorizzato, combacia tutto tranquillo!”

Questo è solo una delle frasi pronunciate dai due accusati della morte di Martina Rossi, ma ce ne sono molte altre. Chi l’ha visto ha sottolineato infatti come Alessandro e Luca abbiano cercato di ideare un piano di difesa a lungo, stabilendo che cosa dire agli inquirenti e che cosa invece omettere. Particolari che sembrano studiati al dettaglio, ma che escludono la premeditazione. Si tratta infatti di accordi successivi alla morte di Martina Rossi, che dalle prime deposizioni dei due imputati si era gettata perché impazzita improvvisamente. Il padre della ragazza non ha mai creduto a questa tesi, soprattutto perché conosceva bene la figlia e sapeva che la persona descritta, spesso in modo scabroso, da Luca e Alessandro, non corrispondeva alla personalità di Martina.

Related posts

Leave a Comment