Emanuele Scieri, il caso del parà ucciso dal nonnismo a Chi l’ha visto

Chi l'ha visto anticipazioni

EMANUELE SCIERI NON SI E’ SUICIDATO: IL CASO DEL PARA’ A CHI L’HA VISTO

Le ultime notizie sulla morte di Emanuele Sceri parlano di omicidio e si discostano dal presunto suicidio evidenziato all’inizio delle indagini. Il Parà sarebbe stato invece ucciso secondo quanto emerso dalla commissione parlamentare d’inchiesta e il suo cadavere sarebbe stato manipolato. Emanuele Scieri, di origini siciliane ed appena 25enne, non avrebbe avuto alcuna intenzione di uccidersi. Le conclusioni della commissione sulla morte del Parà della Folgore gettano il dubbio su quel caso iniziato il 16 agosto del 1999.

“Alla Gamerra, si legge, c’era un’altissima, sorprendente tolleranza verso comportamenti di nonnismo”, cita la relazione. Emanuele Sceri sarebbe stato quindi picchiato, aggredito ed infine ucciso. Come sottolinea Il Corriere della Sera, i tecnici hanno evidenziato la presenza di una delle scarpe della vittima in un’area troppo distante dal corpo di Emanuele Scieri. Le ferite riportate sul polpaccio sinistro e il dorso del piede sinistro non sarebbero inoltre compatibili con una caduta dalla scala “e mostrano chiaramente che il giovane è stato aggredito prima”.

Alla Procura di Pisa è stata recapitata inoltre una relazione sulle responsabilità dovuti ad un sistema disciplinare “fuori controllo”, in cui sono stati commessi “errori grossolani e responsabilità evidenti”. Troppe inoltre le anomalie riscontrate nei rilievi e nei sopralluoghi effettuati sul luogo in cui è morto Emanuele Scieri. Alla luce di quanto accaduto, si ipotizza che le indagini verranno riaperte.

Related posts

Leave a Comment