Glifosato cancerogeno? A Le Iene la storia del piccolo Theò | VIDEO

glifosato - le iene

Nella puntata del 17 dicembre, Le Iene approfondiscono un potenziale pericolo ecologico: il glifosato. Si tratta di una sostanza usata di solito come erbicida e che è stata classificata dagli studi in laboratorio come “potenzialmente cancerogena per gli esseri umani”. Nonostante questo, in Europa si continuerà ad usare fino alla fine del dicembre di quest’anno.

Alle telecamere de Le Iene, un bambino e la mamma Sabine raccontano la loro storia. Tutto è iniziato nel 2008, quando Theò nasce ed è subito chiaro ai medici che qualcosa non vada. Il bambino verrà infatti sottoposto a 52 interventi chirurgici, per via di una malformazione alla trachea. La sua malattia è la atresia areofagea: non può respirare con bocca e naso ed è costretto a farlo grazie alla tracheotomia.

Le Iene sottolineano che il glifosato è considerata la principale causa per la maggior parte dei casi di leucemia presenti in Argentina. Una class action cerca di limitare l’uso del diserbante, a cui si sono unite azioni collettivi negli Stati Uniti contro il glifosato. Si parla dei Monsanto Papers e dello scandalo annesso: i documenti divulgati durante il processo hanno messo in luce un collegamento economico fra la Monsanto e gli studi in laboratorio. Diversi scienziati infatti sarebbero stati pagati per confermare che il glifosato fosse innocuo.

Nonostante questo, l’Europa avrebbe acconsentito all’uso del glifosato per altri cinque anni. La notizia non può che sconvolgere la famiglia di Theò, che ritiene un insulto questa presa di posizione. Perché questo vorrà dire che tante persone avranno figli affetti dalla stessa malattia di Theò e che tante persone potrebbero ammalarsi a causa del glifosato solo per la decisione di un’unica persona: Christian Schmidt. Clicca qui per rivedere il video con il servizio de Le Iene sul glifosato. 

Related posts

Leave a Comment