Italia Vs America, quando la molestia non paga | Le Iene, Video

italia vs america - le iene

ITALIA VS AMERICA, DIFFERENZE FRA GLI “SCANDALI” DELLO SPETTACOLO

Le Iene ritornano a parlare di un argomento spinoso, che negli ultimi mesi ha colpito non solo l’America con il famoso scandalo Weinstein, ma anche l’Italia. La differenza di reazione da parte della cittadinanza è tuttavia significativa. Mentre il produttore americano è stato costretto ad assumersi le proprie responsabilità, di fronte a numerose accuse e denunce di abusi, che cosa sta succedendo nel nostro Paese? Anche in Italia infatti sono state diverse le ragazze e attrici che hanno puntano il dito contro registi e potenti dello spettacolo.

Il risultato però non è lo stesso, sia perché il mondo dello spettacolo sembra schierato al fianco dei presunti colpevoli, sia perché le vittime proprio in base a questo potrebbero decidere di non parlare. A Le Iene è intervenuta l’avvocato Bongiorno, che con l’associazione Doppia Difesa si occupa proprio di vittime di reati simili. Secondo il legale, questa pressione esercitata dall’esterno rischia di mettere a tacere chi ha subito violente e non solo nel mondo dello spettacolo.

A dimostrare la differenza fra Italia e America è quanto è accaduto ad Asia Argento. L’attrice e figlia del famoso re dell’horror non ha esitato a rivelare di aver subito delle violenze in passato, ma ha conquistato comunque delle aspre critiche. La donna, insomma, viene sempre giudicata bugiarda in questi casi. Le Iene hanno parlato inoltre delle denunce contro il regista Fausto Brizzi, al centro di uno scandalo simile a quello di Weinstein. La speranza è che le autorità competenti facciano luce sull’intera vicenda e puntino i riflettori verso chi ha commesso un reato. Sia che si tratti del regista sia che si tratta di chi potrebbe averlo accusato ingiustamente, come sostengono diverse icone del mondo dello spettacolo italiano. Clicca qui per rivedere il video con il servizio de Le Iene sulle molestie in Italia e America. 

Related posts

Leave a Comment