Ciro Ascione, 15enne muore a Napoli: è un omicidio? | Chi l’ha visto

Ciro Ascione

Ciro Ascione, morto a soli 15 anni: il mistero a Chi l’ha visto

La morte del giovanissimo Ciro Ascione ha sconvolto la comunità di Napoli, soprattutto per via della sua giovane età. A quattro giorni dall’allarme lanciato dal padre circa la sua scomparsa, la tragica scoperta: Ciro non c’è più, il suo corpo è stato ritrovato lungo i binari che portano ad Arzano. L’ultima volta che era stato avvistato si trovava a Napoli, dove aveva incontrato la fidanzatina di cui si era innamorato. Il suo caso è stato trattato nella puntata di Chi l’ha visto del 24 gennaio 2018.

Ciro Ascione è stato ucciso? E’ questo il dubbio che ha colpito il padre Salvatore Ascione in seguito alla macabra scoperta. Sono molti i punti rimasti oscuri sulla vicenda, a partire da una strana telefonata che la famiglia del 15enne di Arzano ha ricevuto il giorno seguente all’allarme. Sono ore in cui i familiari e le autorità sono impegnati nelle ricerche ed in cui non si sospetta ancora l’esito tragico. “Non cercate Ciro vivo, è morto”, dice in modo approssimativo l’anonimo. Non si sa ancora, sottolinea Chi l’ha visto, se si tratti di uno scherzo del destino o se in qualche modo l’episodio sia collegato con la morte di Ciro.

Uscito di casa per incontrare la fidanzatina, conosciuta appena un mese prima sui social, il ragazzo si è diretto verso la stazione per prendere il treno e tornare a casa. Un percorso che faceva spesso e che quel giorno ha effettuato attorno alle 20.30. Alle 20.50 la telefonata con il padre Salvatore, a cui aveva riferito si essere già arrivato alla stazione di Toledo, da cui avrebbe preso la metro per arrivare a Garibaldi. Come sempre il padre si è avviato verso Casoria per aspettarlo e da quel momento inizia il buio. Sono ore di preoccupazione per Salvatore, che attende il figlio invano in stazione. Il primo treno non mostra traccia della sua presenza, così come il secondo. Intanto il genitore continua a cercare il ragazzino al telefono, ma non riceve nessuna risposta.

Stazione di Casoria

Chi l’ha visto sottolinea come il corpo di Ciro Ascione sia stato ritrovato lungo i binari solo quattro giorni dopo la scomparsa, in un punto molto vicino ai binari e visibile. Eppure rimane quasi inosservato fino al suo ritrovamento. Perché il 15enne si trovava lì? Le autorità riferiscono al padre che si sarebbe gettato dal finestrino, ma questo particolare non coincide con l’apertura dei finestrini presenti sui regionali che fanno quella tratta. Possibile che le portiere possano essere state aperte e che l’allarme non sia scattato per via di un guasto? Qualcuno ha spinto Ciro giù dal treno oppure si tratta di un incidente? Le prime indiscrezioni sembrano rivelare un altro scenario, ovvero che il ragazzino di Napoli possa essere arrivato in quel preciso punto in un altro modo. Che qualcuno lo abbia trasportato lì già morto.

Nel corso della puntata di Chi l’ha visto viene sottolineato inoltre che le telecamere presenti lungo i binari avrebbero ripreso il giovane prendere di corsa il treno e rimanere attaccato all’esterno, infine trascinato per 8 minuti ad una velocità che potrebbe aver raggiunto i 150 km orari. Si tratta solo di supposizioni e non c’è ancora nulla di certo. Appare tutto strano ai genitori di Ciro, soprattutto dopo aver saputo dalla fidanzatina che il ragazzino potrebbe aver incontrato una baby gang. Un’ipotesi che non è stata confermata da nessun elemento: possibile che in quei momenti il 15enne sfuggisse a qualcuno?

Related posts

Leave a Comment