Il Terzo Indizio, video replica: Rossana D’Aniello e Monica Ravizza | 30 gennaio

il terzo indizio

Il Terzo Indizio, riassunto e video replica dell’ultima puntata: il caso di Monica Ravizza e Rossana D’Aniello

Il Terzo Indizio è ritornato nella prima serata di Rete 4 con una nuova puntata. La conduttrice Barbara De Rossi ha approfondito il 30 gennaio 2018 i due casi di Rossana D’Aniello e Monica Ravizza, due omicidi brutali avvenuti per mano di due persone diverse e spietate. Dinamiche differenti eppure in qualche modo simili, che si sono concluse con la morte di due donne piene di vita. Per l’omicidio di Rossana D’Aniello è stata condannata Daniela Cecchin, mentre per il delitto di Monica Ravizza è stato condannato l’ex fidanzato Diego Armando Mancuso.

L’omicidio di Rossana D’Aniello

Il Terzo Indizio apre i battenti della sua ultima puntata con il caso di Rossana D’Aniello, avvenuto nel novembre del 2003. Un caso che ha creato non poche difficoltà alla Squadra Mobile di Firenze, per via della modalità con cui è stato compiuto l’omicidio ed a causa del panico diffuso fra la popolazione circa ad un possibile ritorno del Mostro di Firenze. Una ferita indelebile che ha permesso alle autorità di accelerare il passo e di concludere le indagini in tempi record. Quel terribile giorno, il corpo di Rossana D’Aniello viene ritrovato dal marito Paolo e dalle due figlie, all’epoca di 12 e 16 anni. La scena del crimine metterà subito in luce che il delitto non corrisponde ad una rapina finita male, ma che riguarda un movente personale.

Per riuscire a scoprire la verità sulla morte di Rossana D’Aniello, il marito verrà sottoposto a numerosi interrogatori. Gli inquirenti non sospettano del farmacista, ma credono che possa essere a conoscenza di alcuni indizi importanti. Emerge infatti nel giro di pochi giorni un particolare significativo: Rossana veniva perseguitata al telefono da alcune telefonate mute che avvenivano in diverse ore del giorno, anche a tarda notte. Gli inquirenti riescono inoltre ad ottenere un estratto delle immagini di sorveglianza, grazie alle telecamere presenti nelle prossimità dell’appartamento di Rossana D’Aniello. Viene inquadrata una figura che si allontana con indosso il giubotto del marito della vittima, ma nessun particolare che possa svelarne l’identità.

Il Terzo Indizio si è avvalso dell’aiuto delle testimonianze dell’ex capo della Squadra Mobile di Firenze, che ha sottolineato come siano occorse diverse indagini prima di giungere al nome di Daniela Cecchin. Si tratta della dipendente dell’ufficio igiene conosciuta per il suo comportamento isolato e ossessivo e che in passato è stata spinta al licenziamento a causa di episodi simili e collegabili alle telefonate mute ricevute da Rossana. Una donna schiva e piena di paure, che aveva conosciuto Paolo Botteri in giovane età e su cui aveva sviluppato un’ossessione. Tanto da vedere nella moglie una sorta di rivale da eliminare, il simbolo del rifiuto registrato in tanti anni di difficoltà relazionali. Durante l’interrogatorio, Daniela Cecchin sottolineerà inoltre di essere stata spinta dal Diavolo. Giudicata inferma di mente, verrà condannata a 20 anni di reclusione, di cui ne sconterà solo 13.

Il delitto di Monica Ravizza

La seconda storia de Il Terzo Indizio riguarda l’omicidio di Monica Ravizza, una giovane estetista di appena 28 anni che perde la vita per mano del compagno Diego Armando Mancuso. I soccorritori sono infatti riusciti ad impedire che l’incendio provocato dall’uomo avvolgesse nelle fiamme anche le prove del suo crimine, sottraendolo al suicidio. Il delitto di Monica Ravizza è stato provocato dalla volontà della ragazza di voler porre fine alla loro relazione ed alla decisione di abortire. Anche se inizialmente la gravidanza era stata accolta con felicità, specialmente da Mancuso, Monica Ravizza ha iniziato a nutrire dei dubbi in seguito sulla qualità del loro rapporto sentimentale.

Condannato Diego Armando Mancuso

Nei giorni precedenti al suo omicidio, Monica aveva infatti manifestato al compagno la volontà di prendersi un periodo di riflessione per capire il da farsi. Aveva inoltre ventilato l’idea di poter interrompere la gravidanza, indecisa sul futuro. Ad alimentare i suoi dubbi sarebbero stati inoltre alcuni episodi che hanno messo in luce il comportamento violento e paranoico di Diego Armando Mancuso, che confesserà il delitto subito prima del ricovero ospedaliero. La dinamoca del crimine parla chiaro: Monica Ravizza è stata uccisa con diverse coltellate e Mancuso ha cercato di nascondere le prove incendiando l’appartamento della donna, prevedendo di togliersi la vita nello stesso momento. Uno scherzo del destino gli ha impedito di sottrarsi alla giustizia, ma dopo un’iniziale condanna a 18 anni la sua pena è stata ridotta fino a cinque anni di reclusione.

Come rivedere la replica del Il Terzo Indizio

Il Terzo Indizio chiude i battenti con la sua ultima puntata, in onda il 30 gennaio 2018. Il programma di Rete 4 ha già reso disponibili i video con le repliche delle due storie della serata, accessibili grazie al portale gratuito di Mediaset On Demand (previa registrazione gratuita o accesso con profilo social). La terza edizione si conclude a pochi passi dal suo inizio e non è certo quando lo show ritornerà sul piccolo schermo italiano. Vi aggiorneremo non appena verranno rese note dall’emittente ulteriori informazioni a riguardo.

Correlati

Leave a Comment