Luciana Bianchi, suicidio o omicidio? La versione della sorella | Chi l’ha visto

Luciana Bianchi, il caso della donna scomparsa alle Canarie a Chi l’ha visto

Chi l’ha visto approfondisce di nuovo il caso di Luciana Bianchi nella sua puntata del 14 febbraio 2018. Si tratta della donna italiana che è scomparsa agli inizi di gennaio alle Canarie. Una storia particolare che non si è ancora conclusa e su cui grave un pesante sospetto: possibile che si sia uccisa? L’amico Fabiano, colui che ha lanciato l’allarme, ha infatti trovato nel garage in cui la donna viveva da qualche tempo, dei fogli che riportano un’intestazione significativa: testamento olografo. In quel momento Luciana Fantato non è ancora una scomparsa per le autorità spagnole, dato il breve lasso di tempo intercorso dall’ultimo avvistamento fino al giorno del presunto allontamento.

Per Fabiano invece è chiaro che sia successo qualcosa, ma segue la richiesta che la donna gli fa tramite una di quelle lettere. Vuole infatti che i suoi amati gatti rientrino in Italia e che sia lui ad occuparsene. Intervistato da Chi l’ha visto, l’uomo riferisce inoltre che Luciana Bianchi aveva avuto molti problemi con i suoi proprietari di casa, per via di alcune molestie fatte dall’uomo della coppia, Jesus. La compagna Elenie invece ha smentito su tutta la linea ed ha parlato invece di normali liti fra l’uomo e Luciana Bianchi. La donna tra l’altro mangiava ogni giorno con la coppia.

La sorella di Luciana, Loredana Bianchi, continua a valutare ogni possibile esito. L’ultimo gesto della donna rimane infatti il testamento olografo, ma secondo la sorella non concorda con quanto sa della donna. In particolare una frase con cui Luciana chiede di poter essere cremata, dato che nella tomba della mamma non c’è più spazio. Un elemento che non combacia con la verità e che secondo Loredana la sorella sapeva bene. Al mistero si aggiunge inoltre la possibilità che la firma presente in quei fogli non sia in realtà della donna, ma di qualcun altro.

Correlati

Leave a Comment