La morte di David Rossi, a Le Iene un testimone? (VIDEO)

david rossi le iene

LA MORTE DI DAVID ROSSI IN UN NUOVO SERVIZIO DE LE IENE

Nella puntata del 25 marzo 2018, Le Iene ritornano a parlare della morte di David Rossi, un caso che rimane ad oggi pieno di oscurità e stranezze. In uno dei precedenti servizi, il programma di Italia 1 aveva parlato in particolare di una lettera che avrebbe potuto confermare che il presunto suicidio sarebbe in realtà un omicidio. Alcuni mesi fa, Le Iene avevano trovato inoltre un collegamento fra David Rossi ed alcuni festini hard avvenuti a Siena. Si tratta solo di uno dei tanti tasselli che i familiari della vittima individuano all’interno di un chiaro complotto alle spalle dell’ex capo delle comunicazioni dei Monti dei Paschi di Siena.

Le Iene fanno un recap di alcuni dei punti ancora rimasti poco chiari per la morte di David Rossi. Molte le persone che sono convinte che sia stato ucciso, soprattutto per la strana coincidenza fra il giorno del presunto suicidio ed un’email inviata dalla vittima in cui manifestava a volontà di denunciare alcuni illeciti del Mps alle autorità. L’ex Sindaco Piccini sarebbe sicuro del fatto che il caso sia stato gestito con leggerezza, forse ostacolate per via di alcuni festini a base di escort e cocaina in cui sarebbero coinvolti magistrati e alti funzionari. Antonio Degortes invece, figlio di uno dei grandi amici dell’ex Presidente Mussari, è sicuro che i festini di cui si parla in realtà non esistano.

Una segnalazione arrivata a Le Iene invece sembra confermare tutto. Un ex escort ha deciso infatti di parlare dopo aver riflettuto a lungo sull’appello della figlia di David Rossi, Carolina, che in più di un’occasione ha richiesto a chi sa qualcosa di farsi avanti. Stefano (nome di fantasia, ndr) racconta infatti di aver frequentato a lungo determinati ambienti per una questione di soldi e di essere entrato in contatto con diversi dirigenti del Mps, fino ai piani superiori. Secondo la sua versione si consumava cocaina o cannabis, per un totale al massimo di venti persone per ogni festino. Anche se è forte la paura che qualcuno possa fargli qualcosa, Stefano accetta di fare un confronto fotografico con le foto di alcuni alti funzionari.

In particolare riconosce un prete che ha un importante ruolo nella Diocesi, un Pubblico Ministero, diversi dirigenti del Mps e un giornalista di Siena. Quest’ultimo tra l’altro sarebbe stato protagonista di una violenta discussione con un altro partecipante dei festini. Come sottolineano Le Iene, se quanto rivelato da Stefano fosse vero sarebbe anche plausibile concludere che la morte di David Rossi potrebbe dare fastidio ad alcuni alti esponenti di Siena. Ed è forse per questo che le indagini potrebbero aver subito un rallentamento voluto, se non addirittura provocare il decesso di David Rossi. Secondo Stefano alcuni festini potrebbero essere stati videoregistrati e che alcuni partecipanti avrebbero parlato proprio di questa cosa. Rivedi su Mediaset On Demand il video de Le Iene sul caso di David Rossi.

Correlati

Leave a Comment