Alessandro Fiori, morto a Istanbul: le ultime news a Chi l’ha visto

Alessandro Fiori Chi l'ha visto

ALESSANDRO FIORI, INCIDENTE O OMICIDIO? A CHI L’HA VISTO I SOSPETTI DEL PADRE

Chi l’ha visto continua ad occuparsi del caso di Alessandro Fiori, il manager di Soncino ritrovato morto a Istanbul alcune settimane fa. Il padre del 33enne, Eligio Fiori, ha vissuto un dramma importante quando è stato informato dalle autorità del posto che il corpo del figlio era stato ritrovato nelle acque del Bosforo. Secondo le autorità turche, Alessandro Fiori avrebbe avuto un malore, un attacco cardiaco. Risulta che il giorno precedente alla sua presunta morte abbia avuto un malore mentre passeggiava per le strade della metropoli. Alcuni passanti lo avrebbero soccorso e trasportato in ospedale: non risulta però alcuna traccia del suo ricovero.

Il padre di Alessandro Fiori sottolinea a Chi l’ha visto che una delle ferite sospette rilevate sul corpo del manager riguarda una ferita alla testa. Secondo i primi sospetti sarebbe incompatibile con una caduta accidentale nel Bosforo. Secondo un passeggero incontrato in viaggio, Alessandro ha parlato di un incontro amoroso, forse una ragazza americana conosciuta qualche giorno prima ad una festa vicino a Cremona. Alessandro Fiori ha inviato sms fino all’arrivo a Istanbul, come sottolinea chi ha viaggiato al suo fianco. Secondo la ricostruzione di Chi l’ha visto, avrebbe cercato di incontrare questa ragazza americana, che sarebbe stata obbligata a fermarsi in aeroporto per via di alcuni problemi con lo scalo.

Dopo aver soggiornato in albergo, Alessandro Fiori avrebbe fatto un giro turistico in cui ha effettuato anche alcuni acquisti. E’ nella sua auto che rimane lo zaino del giovane manager, mancando l’appuntamento pattuito con l’autista. Raggiunge invece il KSuites Hotel in un’altra zona di Istanbul, grazie ad un altro tassista. Lo scorso 14 marzo, Alessandro esce dall’hotel un’ora prima dell’appuntamento con l’autista. Le sue intenzioni erano di rimanere un’altra notte, ma visto che le prenotazioni sono al completo, viene indirizzato presso un altro albergo. In seguito, una cameriera della struttura entra nella stanza 201 in cui alloggiava Fiori e trova alcuni oggetti personali del manager in uno dei cestini del bagno. Portafoglio senza soldi e stanghetta degli occhiali.

Intanto, sottolinea Chi l’ha visto, Alessandro avrebbe raggiunto un altro albergo. Da qui si sarebbe spostato con un Bus Shuttle verso un centro commerciale: alcune telecamere lo inquadrano mentre si trova in alcuni locali e lungo le strade di Istanbul. Una delle ultime inquadrature lo vede lungo un percorso che porta al consolato italiano: stava andando a chiedere aiuto per via dell’assenza di documenti? Solo l’intervento del padre di Alessandro Fiori fa emergere una verità che non quadra: dopo diversi appelli da parte di Eligio, emerge infatti che il manager di Soncino sarebbe stato colpito da un malore e ricoverato. Infine la macabra scoperta.

Non quadra tuttavia come mai il corpo della vittima sia rimasta in acqua per soli due giorni, particolare che non quadra con il giorno della sua scomparsa. Mancano infatti 13 giorni fra un lasso di tempo e l’altro, un periodo fin troppo lungo che non trova risposta in alcun modo. Chi l’ha visto mette l’accento inoltre su un altro dettaglio emerso in questi giorni, un bigliettino misteriosamente ritrovato in queste ore a Istanbul. Alessandro Fiori avrebbe scritto “no plane bcd no station”, forse per indicare che non avrebbe potuto prendere alcun aereo o treno per tornare in Italia?

Correlati

Leave a Comment