Triste notizia per il mondo del giornalismo: il 26 ottobre, è venuto a mancare il noto giornalista e conduttore tv Luciano Rispoli, all’età di 84 anni. Era malato da tempo e si è spento nella sua casa di Roma.

la7masullo_20161027092806795

Ad annunciare la sua scomparsa, è stato, in accordo con la moglie e i figli, Mariano Sabatini, giornalista, scrittore ed a lungo collaboratore di Rispoli.

Nato a Reggio Calabria nel 1932, Luciano Rispoli si trasferisce a Roma, iniziando la sua carriera in radio conducendo programmi come Buttafuori e ideando Bandiera Gialla, condotto da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni, Chiamate Roma 3131 e La Corrida. Come responsabile del settore varietà, ha fatto esordire personaggi diventati poi volti amati della tv italiana: Maurizio Costanzo, Raffaella Carrà e Paolo Villaggio.

Rispoli si fa conoscere dal pubblico del piccolo schermo con la trasmissione Parola mia, un quiz televisivo dove i concorrenti dovevano rispondere a domande sulla lingua italiana. La trasmissione è andata in onda per 3 anni, dal 1985 al 1988 su Rai 1 e ripresa nel 2002 – 2003 su Rai 3.

Passato nel 1990 sulla rete privata TeleMonteCarlo, condurrà la sua trasmissione più longeva Il Tappeto Volante dal 1993 al 2009 (la trasmissione, dopo la chiusura della rete, è andata in onda su varie reti locali), una programma quotidiano  che potremmo definire come uno dei primi talk show televisivi.

Al suo fianco, nel corso degli anni, hanno avuto il ruolo come co-conduttrice personaggi come Rita Forte, Melba Ruffo, Roberta Capua, Samantha De Grenet e molte altre.

L’ultima sua apparizione in tv risale nel 2011 a Bontà Loro, una trasmissione di Maurizio Costanzo dove quest’ultimo lo definirà il padre della tv.

Dal 1977 al 1987 Luciano Rispoli ha ricoperto il ruolo di Direttore del Dipartimento Scuola Educazione della Rai .

I funerali si terranno a Roma, presso la Parrocchia di San Timoteo alle 11, venerdì 28 ottobre.