Cernusco: Gabriella Fabbiano è stata uccisa dall’ex compagno?

Polizia

CERNUSCO – Iscritto nel registro degli indagati il nome di Mario Marcone, l’operatore ecologico ed ex compagno di Gabriella Fabbiano. La 43enne è stata ritrovata il 7 dicembre pomeriggio nella cava Merlini di Cernusco, priva di vita. La procura di Milano ha già aperto un’indagine per omicidio volontario.

Per ora il coinvolgimento dell’uomo, originario di Pioltello, è solo ipotetico, ma la notizia è corsa molto velocemente in paese. In particolare ha dato molto da pensare i fratelli di Mario Marcone, con cui ha dei cattivi rapporti da diversi anni.

“Né io né l’altro mio fratello avevamo a che fare con lui da tempo. Almeno due, tre anni”, riferisce Giuseppe Marcone, durante un’intervista de Il Giorno. Riguardo alla vittima, il fratello del sospettato ha sottolineato di non aveerla mai sentita nominare se non in questi giorni, dopo il ritrovamento del suo corpo.

Di Mario Marcone, invece, il fratello riferisce che è una persona “poco furba” e avvezzo all’illecito.

“Non siamo mai riusciti a metterlo in riga”

Ma c’è molto di più, perché a carico di Marcone ci sarebbe un tentativo di omicidio ai danni dell’ex moglie. Per vendetta, qualche anno fa cercò infatti di investirla. La sua reputazione lo aveva seguito anche sul lavoro, tanto che l’Amsa aveva rifiutato di proseguire i rapporti professionalli con lui, all’epoca netturbino della Sangalli, proprio per la fama di violento.

In base alle condizioni in cui è stata ritrovata la vittima, avvolta in un telo di plastica ed ancora in pigiama, gli inquirenti sospettano che il suo assassino conoscesse bene la zona del ritrovamento. Non è chiaro ancora se si tratti di più persone, qualche amico che possa aver aiutato il killer a disfarsi del cadavere.

Correlati

Leave a Comment