Omicidio a Ferrara, Copparo: assistente sanitaria uccide il compagno a coltellate

Omicidio a Ferrara, Copparo: assistente sanitaria uccide il compagno a coltellate

Omicidio a Copparo, in provincia di Ferrara. Una donna ha ucciso il compagno accoltellandolo in seguito ad un litigio, facendolo morire dissanguato. La coppia ha un bambino piccolo. 


Una lite furiosa quella che ha portato alla morte un uomo di Ambrogio di Copparo, ucciso a coltellate dalla compagna. La 45enne e assistente sanitaria avrebbe agito in seguito ad una discussione accesa, degenerata fino all’omicidio. In base alle prime ricostruzioni sembra che la coppia fosse rientrata nella notte di ieri, dopo aver trascorso una giornata al mare.

Una volta rientrati nella propria abitazione di Copparo, i due avrebbero iniziato a litigare nel cortile e la donna sarebbe rientrata in casa per prendere il coltello. Ha sferrato in seguito due fendenti che hanno portato il compagno – un rappresentante di commercio diventato operaio – a morire dissanguato. Come sottolinea Il Resto del Carlino, sul posto sono intervenuti immediatamente i Carabinieri ed hanno arrestato la donna. La vittima invece è morta ancora prima dell’arrivo dei soccorsi a causa delle ferite mortali inferte dalla compagna.

“È finita, l’ho fatta finita con questa situazione”

Queste le parole che la donna avrebbe detto ad una parente subito dopo l’omicidio. In base alle prime indiscrezioni sembra che il rapporto fra la vittima e la compagna fosse già costellato da alcuni episodi di violenza. Estense.com sottolinea infatti come dal 2010 al 2014 i due avessero avuto diversi litigi finiti anche con querele. In nessun caso tuttavia la coppia si era presentata di fronte ai giudici, dato che le denunce sono sempre state ritirare prima.

Al momento del delitto in casa c’era anche la figlia maggiore della coppia ed il fidanzatino della 15enne. Quest’ultimo avrebbe tentato di rianimare la vittima verso la mezzanotte, orario in cui sarebbe avvenuto l’omicidio. L’allarme è scattato mezzora dopo l’aggressione, in seguito alla frase sopracitata e riferita dalla donna ad una parente che abita poco distante.

Leave a Comment