Le accuse a Fausto Brizzi a Le Iene, il presunto modus operandi | VIDEO

Blue Whale - Le Iene

IL SERVIZIO DE LE IENE SULLE ACCUSE A FAUSTO BRIZZI

Le Iene approfondiscono ancora l’inchiesta contro le moleste sessuali ai danni di nomi noti del cinema italiano. Fra questi c’è anche Fausto Brizzi, il noto regista italiano. Le accuse provengono da diverse ragazze, che descrivono le stesse dinamiche all’inviato Giarruso. Scene di estrema violenza e non solo per i fatti descritti, ma anche per il volto che avrebbe avuto in quei momenti Fausto Brizzi.

La dinamica dei fatti, descritta nei minimi particolari da Le Iene, inizia sempre con la scusa di un provino per un film. L’attrice viene attirata in uno studio privato, che si rivela in seguito una vera e propria casa. Un loft su due piani extra lusso, con al centro una vasca idromassaggio.

Come sottolineano le vittime a Le Iene, Fausto Brizzi avrebbe invitato le ragazze di turno a spogliarsi e poi a girare una finta scena. Il tutto per un provino che proseguiva poi lungo altre strade. Alcune affermano di essere state toccate in modo ambiguo, viscido. Altre di aver dovuto assistere alla masturbazione “in diretta” del regista. Fra le attrici che hanno accusato Fausto Brizzi c’è anche Clarissa Marchese, ex Miss Italia che oggi è intervenuta a Domenica Live per parlare di quanto le è accaduto.

Uno dei tratti in comuni fra i racconti di tutte le ragazze coinvolte in questa sordida vicenda riguarda tra l’altro lo sguardo che il regista avrebbe avuto di fronte a loro in quei momenti. “Occhi da pazzo”, “il volto sfigurato”: sono queste alcune delle descrizioni che sono state riportate a Le Iene. Una giovane attrice in particolare ha ammesso a fatica che il regista sarebbe andato addirittura oltre con lei. Ci sarebbe stata una vera e propria violenza sessuale, che l’ha colpita profondamente e che ad oggi la fa sentire stupida. Perché alla fine non sarebbe riuscita a fermare Brizzi in tempo. Trovi qui il link diretto al servizio de Le Iene sulle accuse dirette a Fausto Brizzi.

Correlati

Leave a Comment