La storia di Jacopo a Le Iene, affetto da autismo soffocato dallo Stato? | VIDEO

la storia di jacopo - le iene

La storia di Jacopo a Le Iene, un autismo complicato dallo Stato? Il video del servizio di Nina Palmieri

Nella puntata dell’11 marzo, Le Iene ci raccontano la storia di Jacopo, un uomo toscano affetto da un autismo che per tanti anni lo hanno costretto all’interno di un istituto psichiatrico. Una situazione drammatica che ha spinto la madre a chiedere alla fine l’aiuto di un esperto esterno, Roberto De Certo. Grazie al metodo di quest’ultimo, Jacopo sembra riprendersi sempre di più: un programma preciso che comprende l’inclusione in società del 40enne. A Le Iene si racconta il volto oscuro e le complicazioni della storia di Jacopo, costretto a sottostare alla volontà altrui.

A Le Iene, Roberto racconta infatti di essere riuscito a far compiere dei passi in avanti a Jacopo, rendendolo attivo e partecipe. Si è accorto però che gli psicofarmaci assunti in istituto lo rendevano sempre più succube di un circolo vizioso. Dopo essere riuscito a diminuire le dosi, Roberto si è ritrovato di fronte ad un nuovo stop. La madre di Jacopo infatti, Vanna Spolveri, viene costretta ad avere un curatore amministrativo ed economico per via di un piccolo incidente domestico. Questo implica che il figlio venga affidato a decisioni esterne, che mettono ancora una volta alla berlina Roberto ed il suo metodo.

La situazione si complica alla fine anche per l’intervento de Le Iene: l’istituto chiede infatti l’intervento dei Carabinieri. Infine il CTE richiede il trasferimento di Jacopo in altra struttura, con tutte le conseguenze del caso. Vanna Spolveri rivela in seguito a Le Iene che Jacopo è stato trasferito lo scorso primo dicembre senza che nessuno la informasse. Secondo lo psichiatra del CTE il ruolo di Roberto De Certo inoltre influiva in modo negativo sullo stato di salute di Jacopo. Quest’ultimo sembra aver accolto bene il trasferimento, mentre la madre si augura di poter un giorno avere suo figlio fra gli ospiti della Fondazione che ha creato con il marito a suo nome. Una onlus per ragazzi come Jacopo, che possano usufruire del metodo di inclusione. Rivedi su Mediaset On Demand il video con il servizio di Nina Palmieri de Le Iene, “Primo comandamento non rompere i c***ioni“. 

Correlati

Leave a Comment