OMICIDIO STAZIONE TREVISO, ULTIME NOTIZIE: PROVE SCHIACCIANTI CONTRO WILLIAM GUIZZETTI – Questa mattina, William Andres Guizzetti verrà ascoltato dal gip, che potrebbe confermare il suo arresto. Il giovane 33enne, italiano ma originario del Cile, è sospettato infatti di aver ucciso Giampietro Piccolo nei pressi della stazione ferroviaria di Treviso. La vittima, un clochard di 57 anni, è stato ucciso a colpi di bottiglia.

Omicidio stazione Treviso

William Andres Guizzetti fornirà quindi la sua versione dei fatti riguardo all’omicidio di Piccolo, anche se le autorità, in base alle ultime indiscrezioni emerse, avrebbero prove schiaccianti a suo carico.

Le telecamere della videosorveglianza della stazione lo hanno ripreso mentre lo scorso mercoledì raggiungeva il luogo in cui si è consumato il delitto. Il suo allontanamento sarebbe venuto il mattino successivo, attorno alle 7:30 del mattino. Le autorità lo avrebbero ritrovato vicino alla stazione, adiacente al supermercato Pam di via Zorzetto, con i pantaloni sporchi di sangue e lo sguardo perso nel vuoto.

Come sottolinea Treviso Today, il sangue apparterebbe alla vittima e se così fosse, rappresenterebbe la prova schiacciante contro Guizzetti. Nella mattinata di oggi, sabato 18 febbraio 2017, verrà eseguita anche l’autopsia di Giampietro Piccolo dall’anatomopatologo Alberto Furlanetto.

Sul caso è intervenuto anche il Segretario generale del Siulp, il sindacato italiano dei lavoratori di Polizia, che ha voluto sottolineare come “le uscite inopportune di qualcuno che si preoccupa solo all’apparenza, riconducono ad un problema di fondo, molto più preoccupante”.