VERONICA PANARELLO, ULTIME NOTIZIE – Sono state depositate le motivazioni che hanno portato il gup a comminare una condanna di 30 a Veronica Panarello. 190 pagine in cui è delineata nei particolari la storia processuale della donna di Camerina, accusata di aver ucciso il piccolo Loris Stival.

Veronica Panarello, Loris Stival

29 capitoli su Veronica Panarello, sull’inizio delle indagini, il ruolo avuto dalla donna, le dichiarazioni e le perizie. Fra queste anche quella psichiatrica, richiesta dalla difesa per dimostrare la tesi di innocenza.

Il giudizio non lascia spazio a dubbi:

“La condotta processuale della donna è stata deplorevole, reiteramente menzognera, calunnosia, manipolatrice. Va assolutamente confermata e fatta propria in questa sede la definizione laconica del giudice del riesame nella persona dell’imputata: ‘Lucidissima assassina’”.

Ancora più dure le parole del gup di Ragusa, Andrea Reale, che ha sottolineato come l’epiteto attribuito a Veronica Panarello sia in realtà “benevolo” di fronte all’atrocità commessa. Nella sentenza anche le condizioni con cui è stato ritrovato il piccolo Loris Stival. Pesava 10-20 kg ee dimostrava 5 o 6 anni, contro gli 8 effettivi. Dall’autopsia, sottolinea Rai News, emergono i particolari del suo omicidio, fra cui anche le fascette che lo hanno portato alla morte.